Archivio per Categoria Ambiente

COVID-19 impacts on the atmosphere and ocean global monitoring and forecasting capacity

Contribution of Nadia Pinardi, Antonio Navarra

The Earth Observing System capacity has been put in place in the past 50 years by the space satellite industry, the airline companies, the technological sensor development companies in alliance with the research and innovation community, including the science and engineering academic sectors.

This observing capacity allows us to forecast the atmospheric and ocean weather, validate models for climate predictions, map the risk of extreme natural and man-induced events in the environment, reduce the disaster risk, facilitate science-based policies. Part of the system uses commercial activities as platforms of opportunity to decrease costs and increase benefits to both the public and private sectors.

impacts on the atmosphere and ocean global monitoring and forecasting capacity during COVID-19
Figure 1: The basic components of the earth monitoring system: upper panel, the station locations in the ocean and in the bottom panel the Aircraft Meteorological Data Relay program

Now COVID-19 has determined a large loss in this observing capacity in particular from commercial airliners that contribute to the WMO Aircraft Meteorological Data Relay programme (AMDAR, see Fig. 1), which uses onboard sensors, computers and communications systems to automatically collect, process, format and transmit meteorological observations to ground stations via satellite or radio links. The number of observations sent to ground decreased in April 2020 from 14000 to a bit more than 2000 for Lufthansa and from 16000 to zero for easyJet.

Another program of measurements that is going to be affected by the COVID-19 pandemic is the surface drifting buoy programme (see Fig.1). These buoys are carried around by ocean currents and measure waves, surface pressure among other climate variables. They are deployed from commercial vessels and they have a fine lifetime so they need to be replaced with a specific protocol of deployment in time to maintain a fleet of about 1200 drifting buoys around the world oceans. Due to the pandemic, almost no buoys  where deployed in March and April has reduced the deployment so that It is supposed to decrease in April even more so that it is expected that the number of transmitting buoys from the ocean will decrease as much as 20% in the next  6 months.

In an article in Nature News few weeks ago, it is reported that as climate- and ecological-monitoring projects go dark, data that stretch back for decades will soon contain coronavirus-associated gaps. Scientists collecting data in offshore areas of the world ocean have to go to the stations site about  2-4 times a year to replace/calibrate the sensors, submerged in the corrosive seawaters, so that the measurement record maintains its accuracy and validity. These activities will be partially suspended due to the COVID pandemic with far-reaching consequences  for the time series integrity and the monitoring of earth system changes.

From the same article, the English Met Office refers that the loss of aircraft observations will increase their forecast error by 1–2%, but notes that, in areas where flights are typically more abundant, forecast accuracy might suffer even more.

Dr. Peteri Taalas, secretary general of the World Meteorological Organization,  says: “The impacts of climate change and growing amount of weather-related disasters continue. The COVID-19 pandemic poses an additional challenge, and may exacerbate multi-hazard risks at a single country level. Therefore it is essential that governments pay attention to their national early warning and weather observing capacities despite the COVID-19 crisis.”.

We hope Taalas’s message will be collected also by the Italian government that is formulating the Phase 2 of COVID response:  we have to assess the potential effects of the pandemic on the Italian monitoring and forecasting system and work adequately to re-put it in place for public security and the science-based management of risks.

The year the Earth stood still

klaatu barada nikto

Contributo di Dario Braga

Molti leggono la Pandemia non come un evento a sé generato da un malaugurato, ma non infrequente, “salto di specie” di un coronavirus (la zoonosi descritta da A. Scagliarini), quanto come l’ultimo, certamente quello più palese e più “impattante”, di una serie di avvertimenti che il Pianeta ci sta mandando.

Di questi avvertimenti, in effetti, negli anni passati, e in particolare nel ’19 e in questo inizio di ’20, ne abbiamo ricevuti parecchi.

Lo studio di Mediacentre elenca un serie di disastri climatici nel 2019 con enormi costi umani e materiali. Riprendo l’elenco tal quale

  • January saw floods in Argentina and Uruguay which forced 11,000 people from their homes and in Australia with some places receiving more rain than at any time since records began in 1888.
  • In March Storm Eberhard swept across Europe while Cyclone Idai caused death and devastation in Zimbabwe, Mozambique and Malawi. Floods began racking up huge financial losses in the American Midwest ($12.5bn) and Iran ($8.3bn).
  • May and June saw $28 billion of damage in Asia: Cyclone Fani struck India and Bangladesh, parts of China experienced their highest rainfall for 60 years and in Northern India, a stronger than usual monsoon led to floods that killed 1900 people.
  • September and October saw Typhoons Faxai and Hagibis cause more than $20bn of damage in Japan as well as disrupt the Rugby World Cup which was being held there. 

L’agenzia indiana weather.com riporta che nel 2019 moltissimi stati indiani hanno subito alluvioni e inondazioni severe con danni enormi e perdite di vite umane. Alcune immagini delle alluvioni in India tratte dal sito della BBC

le alluvioni come quella avvenuta in India sono state causate dal cambiamento climatico. Possibile corrispondenza della pandemia che sta colpendo il pianeta
le alluvioni come quella avvenuta in India sono state causate dal cambiamento climatico. Possibile corrispondenza della pandemia che sta colpendo il pianeta

Alluvioni hanno colpito anche gli Stati Uniti e l’Europa. Qualcosa lo abbiamo visto anche in Italia, anche se con impatti meno drammatici. Ecco una immagine di Venezia tratta dal Guardian.

le alluvioni come quella avvenuta a Venezia con l'innalzamento delle acque sono state causate dal cambiamento climatico. Possibile corrispondenza della pandemia che sta colpendo il pianeta

Un altro evento “biblico” è stata la devastante serie di incendi australiani. Il Guardian riporta che tra Gennaio e Agosto 2019 le piogge in Australia sono state le più scarse di sempre. Alte temperature e venti forti hanno mantenuto l’umidità a livelli molto bassi facilitando la diffusione degli incendi.

gli incendi australiani sono stati causati dal cambiamento climatico. Possibile corrispondenza della pandemia che sta colpendo il pianeta

Sempre dalla BBC riporto “The 2019–20 Australian bushfire season,colloquially known as the Black Summer, began with several serious uncontrolled fires in June 2019. Throughout the summer, hundreds of fires burnt, mainly in the southeast of the country. The major fires, which peaked during December–January, have since been contained and/or extinguished. As of 9 March 2020, the fires burnt an estimated of 186,000 square kilometres),destroyed over 5,900 buildings (including 2,779 homes)and killed at least 34 people. An estimated one billion animals have been killed and some endangered species may be driven to extinction. By 7 January 2020, the smoke had moved approximately 11,000 kilometres (6,800 mi) across the South Pacific Ocean to Chile and Argentina.”

Per dare un’idea “locale” del disastro, la BBC ha prodotto un confronto su scala UK della estensione degli incendi australiani. Essenzialmente tutta l’Inghilterra sarebbe andata a fuoco.

gli incendi australiani hanno un'estensione pari a quasi l'intera Inghilterra. Possibile corrispondenza della pandemia che sta colpendo il pianeta

Dopo l’acqua e il fuoco, le cavallette. Miliardi di cavallette hanno invaso l’Africa dell’Est e l’Asia del Sud in quello che è considerata l’infestazione peggiore in un quarto di secolo con danni immensi ai raccolti e alle altre specie viventi.  

Immagini dell’invasione di cavallette tratte dal sito BBC

invasione delle cavallette ha portato enormi danni all'agricoltura. Può esserci una possibile relazione con la pandemia che sta colpendo il mondo
invasione delle cavallette ha portato enormi danni all'agricoltura. Può esserci una possibile relazione con la pandemia che sta colpendo il mondo

Questo è il quadro mondiale nel quale si inserisce la Pandemia. Acqua, fuoco, cavallette…. Chi vuole leggere nella grande Pandemia del 2020 “ultimo avvertimento” fa poca fatica.

Gran brutta storia. E sì perché quelli che ho elencato sono disastri terribili ma hanno interessato zone tutto sommato limitate del Globo. Con la Pandemia nessun paese è al sicuro, anzi nessuno è al sicuro. E chi avrebbe mai pensato che fossimo così fragili, così vulnerabili, anche in nazioni ricche e potenti? Che delusione. Ci stiamo scoprendo deboli, permeabili, impreparati, impotenti. Impotenti sì, perché non abbiamo (ancora) un’arma contro. Quello che stiamo facendo è fuggire, nasconderci, cercare protezione barricandoci in casa, contando sul fatto che, se non ci trova, COVID19 un po’ alla volta si stancherà. Ma ancora non si è stancato.

Quanti hanno scritto che “nulla potrà essere come prima”? Cito Gianfranco Pasquino  “Se tornasse “tutto come prima” vorrebbe dire che non avremmo capito molto e, soprattutto, che non avremmo imparato niente.” Verissimo.

E infatti in molti si stanno esercitando nel disegnare scenari per il post-COVID, per il “reboot” del Pianeta.

Già, il “reboot”. Scrive un amico e collega indiano “She (la Terra n.d.r.) threw the virus at us. In whatever crazy way I don’t exactly know. But total collapse of world economy will force a reboot of the planet. Any country that is foolish enough to try to get back to the old lifestyle will be doomed quickly.

Io non sono un economista, né uno scienziato sociale, e nemmeno un virologo o un epidemiologo. E tantomeno un filosofo. E nemmeno sono fatalista. Sono abituato a ragionare sulle “osservabili”. Non entro in questo dibattito, per quanto interessante.

Per questo raccomando la lettura di alcuni post in questo blog e di altri commentatori come, ad esempio, M. Sandel sul NYT

Ma c’è un tema che in questo pensare al futuro sembra mancare interamente, o che appare poco e scompare in fretta. È un temaccio brutto che fatica a entrare nei ragionamenti sul “dopo” e sulla “sostenibilità”.

Mi riferisco al tema della popolazione mondiale. Basta andare sul sito delle Nazioni Unite per vederne le proiezioni di crescita. Da qui al 2050 si prevedono qualcosa come 2-3 miliardi di esseri umani in più. In funzione del numero di figli e dell’aspettativa di vita alla nascita, la popolazione mondiale potrà attestarsi entro una “forbice” tra 9 e 11 miliardi di persone. Si veda la figura estratta dal report delle nazioni unite (formato pdf).

potenziale aumento della popolazione e il potenziale collegamento con la pandemia che sta colpendo il mondo

Non solo questo, le Nazioni Unite ci dicono anche che la durata media della vita a livello mondiale crescerà ancora, portandosi intorno a 77 anni (83 per la sola Europa) nel 2050. Stime pre-COVID, ovviamente. In ogni caso saremo di più e vivremo più a lungo e quindi consumeremo di più e più a lungo e, ovviamente, aspireremo tutti a condizioni di vita migliori e per tutti.

percentuali di popolazione con più di 65 anni nel 1990, 2019 e 2050. Aumento della popolazione in relazione con la Pandemia che sta colpendo il pianeta

Qualunque ipotesi/modello di più saggio utilizzo delle risorse del Pianeta si scontrerà con il fatto che la Terra è una sfera di superficie finita, con una popolazione in aumento e risorse in calo. Questo è lo scenario in cui qualsiasi ragionamento di “sostenibilità” deve essere inserito. Non tenerne conto è, per dirla con gli inglesi – “missing the wood for the trees”.

Ricordo che nel 2019  l’ “Earth overshoot day”, cioè il giorno dell’anno in cui l’umanità ha esaurito la sua quota annuale di risorse naturali, è arrivato il 29 luglio, quasi a metà anno. Sempre in anticipo sull’anno precedente, come ormai sta succedendo dagli anni ‘70. Nel 2019 abbiamo utilizzato le risorse naturali equivalenti a quelle di 1,75 pianeti Terra.

Insomma, già oggi, consumiamo largamente più di quanto il Pianeta sia in grado di produrre in un ciclo annuale. I consumi sono ovviamente estremamente disuguali, ma – sempre per dirla con le parole del mio amico Gautam, il parco dei consumi si è allargato: “Planet was okay to sustain the hedonism of USA, Canada, Europe till 2020. Then China and India added 3 billion for plastic throwaway culture and wild, indiscriminate travel. This was too much for Planet Earth and she has reasserted herself.”

Avremmo bisogno di due pianeti e non li abbiamo. Per questo il tema della sovrappopolazione è urgente ma è anche un tema difficile da trattare. È un tema “imbarazzante”. Se ne parla malvolentieri perché nessuno ha una soluzione, nemmeno il movimento Fridays4Future di Greta Thunberg, ricordato da Alessandra Bonoli nel suo post.

Riprendo le parole di Vincenzo Balzani “Non ci sono due crisi separate, una ambientale e un’altra sociale, bensì una sola e complessa crisi socio-ambientale che va affrontata con una visione unitaria dei problemi ecologici ed economici.” Ebbene in questa visione unitaria bisogna esplicitamente inserire anche il tema della crescita della popolazione mondiale.

Che fare? Non lo sappiamo
Come facciamo a sostenere una popolazione crescente riducendo al contempo lo sfruttamento delle risorse del Pianeta e garantendo elevanti livelli di qualità della vita (sanità, alimentazione, educazione, sicurezza, ecc.) ?

Certo possiamo viaggiare meno (e in fondo stiamo imparando giocoforza che tanti spostamenti non sono indispensabili) ma non possiamo rinunciare alla socialità, alla stretta di mano, alla bevuta insieme e nemmeno alla curiosità di vedere il mondo. Non possiamo perché siamo umani.

Certo possiamo mangiare meno e in modo più intelligente ma se la popolazione del Pianeta continuerà a crescere sarà un inseguimento perso in partenza, avremo comunque bisogno di più cibo.

Possiamo/dobbiamo riciclare di più ma se saremo di più avremo bisogno di più prodotti, di più materie prime, di più risorse. Anche se riutilizzassimo al 100% quelle di questo istante non basterebbero più già un istante dopo.

Insomma un cul de sac

Avremmo bisogno di raggiungere rapidamente una condizione stazionaria nella curva di crescita della popolazione del Pianeta, un R0 = 1. Si potrebbe ragionare un po’ meglio di sostenibilità. So di toccare un taboo: per qualcuno è sicuramente un “obiettivo indecente” – e anche Stati che lo hanno perseguito (vedi “one child policy” in Cina) lo hanno abbandonato – per altri è semplicemente un obiettivo non praticabile anche se il cuore del problema sta tutto lì.

crescita esponenziale della popolazione, possibile relazione con la pandemia che sta colpendo il pianeta
crescita esponenziale della popolazione, possibile relazione con la pandemia che sta colpendo il pianeta

E allora?
Escludendo scenari distopici peggiori di quello – già pessimo – attuale, non ci resta che contare sulle nostre forze o, meglio, sui nostri cervelli, puntando non solo a sfamare ma anche a educare il Pianeta. Soprattutto le zone più povere. La conoscenza è il prerequisito per comportamenti responsabili e consapevoli.

Per il resto, dovremo “perfezionare” la nostra capacità di sfruttare il Pianeta attraverso gli strumenti della ricerca scientifica e tecnologica.

Non piace detto così? Al di là delle ipocrisie, va compreso e fatto comprendere che solo la ricerca potrà fornirci nuove fonti di energia rinnovabili ma anche diversa mobilità, agricoltura sostenibile ma anche nuove fonti alimentari, riduzione degli sprechi di acqua e cibo ma anche nuovi modi di recupero e immagazzinamento, riutilizzo pieno delle risorse ma anche sostituzione di quelle in esaurimento e accesso ad altre fonti di materie prime, ecc. Solo questo impegno può accompagnare una crescita sostenibile della popolazione mondiale fino a che non saremo in grado di… volare su un altro Pianeta.
Ad altro non so pensare.

viaggio sulla Luna 1902, Pandemia, possibili scenari per il futuro
viaggio sulla Luna 1902, Pandemia, possibili scenari per il futuro

Le voyage dans la Lune (1902)

Coronavirus e Greta Thunberg: sei gradi di separazione? (o forse meno…)

Contributo di Alessandra Bonoli

Fra le decine e decine di video, immagini, vignette da cui siamo bombardati in questi giorni, una arrivata ieri mi ha colpito particolarmente e fornito lo spunto per scrivere queste poche righe.  L’immagine, umoristica, ritrae Greta Thunberg in veste di analista di laboratorio, con provette in mano, che con sguardo sarcastico e compiaciuto esclama “ce l’ho fatta!”

Ce l’ho fatta… cosa? Procediamo appunto per gradi.

Greta Thunberg e Cambiamento Climatico

Greta ha avuto l’indiscusso merito di lanciare un accorato grido d’allarme, coinvolgendo i giovani e parlando con estrema durezza e convinzione ai grandi della terra (che spesso sulle tematiche ambientali tanto grandi non sono, ma anzi spesso meschini e pavidi). Intervenendo pochi giorni fa al Parlamento Europeo in merito al Green Deal, Greta ha chiesto semplicemente che i politici ascoltino quanto gli scienziati sostengono da anni: il cambiamento climatico si origina dal riscaldamento globale dovuto alle crescenti concentrazioni di anidride carbonica in atmosfera a causa prevalentemente del carico antropico sul Pianeta e specificatamente all’uso dei combustibili fossili e che è urgente contenere l’innalzamento di temperatura, adottare strategie di adattamento e mitigazione. E l’Europa ha l’obbligo morale di adottare una seria e radicale politica sul clima da diffondere negli altri Paesi del mondo.

Cambiamento climatico e attività antropiche

L’IPCC, l’International Panel on Climate Change, che raggruppa scienziati di chiara fama a livello internazionale, da decenni pubblica i report sullo stato di salute del Pianeta, sulla base della più ampia e qualificata letteratura scientifica in materia. Nel 2018, lo Special Report sul Riscaldamento Globale sottolineava l’urgenza di limitare il riscaldamento globale a 1,5°C, attraverso trasformazioni profonde e urgenti, lungimiranti e senza precedenti in tutti gli aspetti della società. Nell’ultimo report (2019) si legge ancora in merito alla forte interconnessione esistente fra cambiamento climatico, flussi di gas climalteranti e desertificazione, degrado dei territori e degli ecosistemi naturali e relativi rischi per la sicurezza alimentare. E vengono suggerite le stringenti azioni necessarie per un adattamento ai cambiamenti climatici e per il raggiungimento di una società più sostenibile ed equa.

Attività antropiche, inquinamento atmosferico e salute

Coronavirus, cambiamento climetico e Greta Thunberg

Anche questa connessione non ha più bisogno di essere confermata perché universalmente riconosciuta. Nel rapporto La sfida della qualità dell’aria nelle città italiane  redatto dalla Fondazione sviluppo sostenibile di Edo Ronchi in collaborazione con Enea (2017), si legge che che in Italia si hanno circa 91.000 morti premature all’anno per inquinamento atmosferico, di cui 66.630 per le polveri sottili PM2,5, 21.040 per il disossido di azoto e 3.380 per l’ozono e che per le polveri sottili PM2,5 si contano nel nostro Paese 1.116 morti premature all’anno per milione di abitanti. La zona più inquinata in assoluta da micropolveri è la Pianura Padana.

Anche l’Agenzia europea per la protezione dell’ambiente (EEA) sottolinea come l’esposizione all’inquinamento atmosferico possa portare a effetti negativi sulla salute, comprese le malattie respiratorie e cardiovascolari. E in questo periodo, numerose autorità sanitarie hanno avvertito che quei cittadini affetti da determinate patologie respiratorie preesistenti potrebbero avere una maggiore vulnerabilità a COVID-19.

Inquinamento atmosferico e diffusione del corona virus

Un interessante position paper dal titolo “Relazione circa l’effetto dell’inquinamento da particolato atmosferico e la diffusione di virus nella popolazione”, pubblicato qualche giorno fa a firma di stimatissimi colleghi dell’Università di Bologna, dell’Università degli Studi di Bari e di ricercatori della Società Italiana Medicina Ambientale, ipotizza l’esistenza di una stretta correlazione fra inquinamento atmosferico, in termini di particolato solido, e la diffusione del coronavirus. Più precisamente, si evidenzia come la specificità della velocità di incremento dei casi di contagio che ha interessato in particolare alcune zone del Nord Italia potrebbe essere legata alle condizioni di inquinamento atmosferico: le microparticelle presenti nell’aria, infatti, eserciterebbero una devastante azione di vettore e amplificazione del virus. Gli autori concludono suggerendo di tenere conto di queste considerazioni sollecitando misure restrittive di contenimento dell’inquinamento atmosferico.

Coronavirus e Greta Thunberg

Fermatevi!” aveva gridato Greta con emozione alla Cop 24 di Katovice, sollecitando azioni e politiche concrete da parte dei Paesi firmatari dell’accordo di Parigi.

E il mondo si è fermato. Improvvisamente.

Annullati i trasporti aerei, chiusa la maggior parte delle industrie, spente le auto nelle città, sospesi i cantieri…. Non per scelta strategica, certo.  Bensì per emergenza sanitaria, determinata dal corona virus.

Obiettivo prioritario: salvare la vita e tutelare la salute di miliardi di cittadini in tutto il mondo. Effetti collaterali e secondari: la natura sembra risorgere.

Immagini satellitari della Nasa e dell’Agenzia Spaziale Europea evidenziano una drastica riduzione delle emissioni di biossido di azoto nelle principali città cinesi tra gennaio e febbraio. Una foto dell’Italia mostra la pulizia dell’aria su tutta la penisola. Secondo un articolo dell’Internazionale, sulla base di studi degli ultimi giorni, rispetto allo stesso periodo del 2019, a febbraio le misure adottate dalla Cina hanno provocato una riduzione del 25 per cento delle emissioni di anidride carbonica rispetto allo stesso periodo del 2019.

Nei canali di Venezia tornano i pesci e l’acqua è limpida, alla banchina del porto di Cagliari e ancora in laguna veneta si avvicinano i delfini per giocare[1], cinghiali indisturbati per le strade di Sassari[2], aria più pulita e animali selvatici dal Friuli al Piemonte.

Un articolo intitolato “COVID-19 reduces economic activity, which reduces pollution, which saves lives” sostiene che le limitazioni imposte ormai da tutte le principali economie del mondo per fermare la diffusione della pandemia hanno evitato la morte per inquinamento di migliaia di vite nel mondo. Ovviamente nessuna affermazione che la pandemia sia favorevole alla salute e un toccasana per l’umanità, ma un fortissimo monito a riflettere su come un cambiamento profondo dei nostri stili di vita possa concorrere a ridurre l’inquinamento e in cascata a favorire il benessere e la salute dell’umanità.

Ma ancor più scientificamente attendibili i dati dell’Agenzia europea dell’ambiente (EEA) che mostrano un quadro accurato del calo dell’inquinamento atmosferico, soprattutto a causa della riduzione del traffico nelle città.

Tuttavia, affrontare i problemi di qualità dell’aria, di inquinamento, di cambiamento radicale nell’uso dell’energia e dei nostri stili di vita a lungo termine richiede politiche ambiziose e investimenti lungimiranti. Volendo dare una chiave di lettura costruttiva, l’attuale crisi e i suoi molteplici impatti sulla nostra società forse possono almeno far intravedere ciò che la maggior parte degli scienziati impegnati su questi temi sostengono da anni, ovvero che è ormai necessaria e urgente una transizione giusta e ben gestita verso una società resiliente e sostenibile.

Per non essere più costretti a fermarci ancora in futuro. E forse in modo irreversibile.


[1] fonte: Marevivo
[2] fonte: Unione Sarda

ParliamoneOra. Un cortile nel quale scendere

(di Giuseppina Muzzarelli)

Intendo ParliamoneOra come un cortile nel quale scendere (indubbiamente mi condiziona la formula d’altri tempi: scendo in cortile a giocare, a vedere gli amici, per stare con altri, esperienza lontana chi per fare tutto ciò accende un computer) o comunque andare per informarsi, per parlare con persone che qualcosa sanno, che hanno studiato per capire come si fa a informare correttamente.

Lo intendo come un luogo confidenziale, non supponente di integrazione del sapere e confronto offerto da umani  che ti dicono chi sono, come si sono fatti le loro idee e quali percorsi hanno seguito. Perché la conoscenza è un cammino, anche faticoso, non breve e chi l’ha fatto può aiutare gli  altri a evitare scorciatoie insidiose, a scegliere la via più sperimenta o  come fare per sperimentarne, ma non avventuristicamente, di nuove.

In questo cortile vorrei portare le mei conoscenze di medievista.  O meglio mi basterebbe al momento mettere in discussione e possibilmente mandare in soffitta la formula “cose da medioevo”.

Come farlo? Intanto liquidando  augurabilmente per sempre l’idea che ci siano epoche di luce ed epoche di buio e  non importa che mi metta ad elencare le ragioni per le quali il XX secolo si segnala per oscurità. Poi rendendo disponibili esempi concreti di avvedutezza, lungimiranze, originalità e coraggio offerti da uomini e donne del Medioevo, tanto da singoli come da gruppi o da istituzioni. Ve ne potrò indicare a dozzine, il che ovviamente non significa che si possano ignorare le donne, ma anche gli uomini, bruciati vivi o gli arti mozzati come punizione.

Diciamo che il medioevo è matriciale rispetto a modi di pensare e di essere della nostra società, che è stato un grande inventore e che a quell’epoca dobbiamo molto di quello che oggi siamo e usiamo, dalla assicurazione agli occhiali, dai bottoni alla banca.  Imparare a non liquidare con un giudizio sommario intere epoche storiche  non è un risultato da poco e forse dallo sforzo di superare il comodo quanto falso dualismo oscurità-luce può derivare il gusto per la vera conoscenza, anche solo porzioni, scaglie, frustoli  di conoscenza di vicende medievali dalle quali, a ben vedere, ci può essere qualcosa da imparare.

Noi storici ci prendiamo il compito di trovare i documenti, leggerli, confrontarli. Noi dobbiamo e vogliamo frequentare gli archivi  prima che qualcuno abbia la fulgida idea di depositare, se va bene, le carte ivi contenute in containers appropriandosi di spazi, spesso centrali e bellissimi, che i nostri antenati avevano dedicato alla conservazione della memoria. Noi dobbiamo studiare e siamo tenuti a restituire.

Chi vuole sapere scenda in cortile e certe volte sarà piacevole anche se non si tratta di un gioco. Però basta con la formula “cose da medioevo” , il medioevo è una cosa seria e farlo conoscere, anche nella sua complessità e nelle sue contraddizioni, è un nostro compito e, se permettete, un nostro doveroso omaggio  alla verità. Parliamone ora.