Archivio dei tag Contagio

Il “compleanno” di Manzoni, più attuale che mai

Contributo di Fabio Marri

Accanto alle recenti celebrazioni dantesche, appoggiate sulla data simbolica ma fittizia del 25 marzo, è utile ricordare che in questi stessi giorni ricorreva un altro ‘compleanno’, di un letterato che alla lingua e alla cultura italiana ha dato non meno di Dante, ed il cui contributo è tornato d’attualità nelle presenti contingenze: Alessandro Manzoni, nato il 15 marzo 1785. Molti hanno ricordato le sue pagine sulla peste milanese del 1629-30, contenute in particolare nei capitoli XXXI e XXXII dei Promessi sposi.

Sull’attualità dell’opera basterebbe dire che una delle parole più ricorrenti in questi mesi, untore, nel significato in cui la si usa, di ‘chi propaga l’epidemia’, è stata lanciata proprio da Manzoni, il quale la ripropose  dalle cronache seicentesche: già molto prima di questo 2020 circolavano nella conversazione comune almeno due modi di dire prelevati dai Promessi sposi e connessi al medesimo contesto: dagli all’untore e va va, povero untorello, non sarai tu quello che spianti Milano.

È nota la pagina sulla morte dell’erudito don Ferrante, quel suo monologo del cap. XXXVII nel quale dimostra ‘scientificamente’ come il contagio non esista; e, «su questi bei fondamenti, non prese nessuna precauzione» e morì di peste «prendendosela con le stelle». Ma questa pagina discende da una spietata potatura del primo getto dell’opera, cominciato il 24 aprile 1821, non pubblicato dall’autore e passato alla storia col nome di Fermo e Lucia: qui, il ragionamento era svolto all’interno di un dibattito pubblico tra don Ferrante e un certo signor Lucio, che rappresenta bene le due tendenze individuate da Dario Braga in uno dei primi contributi di questa serie (Pseudo-scienza e Fake News): «atteggiamenti di rifiuto delle conoscenze e di sfiducia verso la scienza (“oscurantismo di ritorno”)» e «populismo scientifico», impiegati contro il medico e docente Lodovico Settàla, tra i primi a rendersi conto del contagio e a sollecitare misure energiche per ridurne la forza.

A difendere la scienza si fa avanti don Ferrante: intento nobile, ma purtroppo vanificato dal riferirsi solo a una scienza libresca, non sperimentale (lo si potrebbe paragonare al personaggio di Simplicio, che nel Dialogo dei massimi sistemi galileiano – scritto in quello stesso 1630 della peste – si oppone ai ritrovati della nuova scienza appellandosi ai libri aristotelici).

Manzoni, Fermo e Lucia

Don Ferrante non chiude gli occhi di fronte alle diagnosi dei medici («tutte cose belle e buone, tutte parole rispettabili»), che però trova di «superficie», e bisognose di essere organizzate in una filosofia (ovvero una «scienza»: le parole erano intercambiabili) che ha già classificato tutto: e ciò che non ha incasellato, non esiste. Nella «scienza» è inclusa l’astrologia, sulla quale si trovano tutti d’accordo: e fa sorridere il ragionamento finale riferito alla ‘casta medica’: «Confessano che il male è causato dalle influenze, e dicono poi: state lontani dagli infermi, non toccate le robe infette, e schiferete il male», se pensiamo al doppio senso del termine influenza, che ai nostri giorni intendiamo nel senso medico di ‘contagio’ ma don Ferrante usa per ‘influsso degli astri’, negando dunque l’utilità delle misure precauzionali.

Vi lascio al brano del Fermo e Lucia (IV, 3) che per esigenze di spazio devo a malincuore ridurre.

L’autore del manoscritto riferisce una disputa occorsa in una brigata signorile tra il nostro Don Ferrante, e un Magnifico Signor Lucio, del quale l’autore, tacendo il cognome, accenna alcune qualità.
Era costui professore d’ignoranza, e dilettante d’enciclopedia; si vantava di non aver mai studiato, e ciò non ostante, anzi per questo appunto, pretendeva decidere d’ogni cosa; «perché i libri» diceva egli «fanno perdere il buon senso». Ammetteva bene una scienza che si poteva acquistare colla esperienza, e comunicare per mezzo della parola: teneva che si possano scoprire verità; anzi non è da dire quante verità egli credesse di conoscere; ma nei libri, non so per quale raziocinio, supponeva che non si potesse consegnare altro che bugie.
Si strepitava in quella brigata contra i regolamenti della Sanità, che divenendo di giorno in giorno più risoluti cominciavano a non far distinzione di persone, e assoggettavano anche i potenti ad una vigilanza incomoda.
«Tutto questo» diceva il Signor Lucio, «in grazia dei libri, dei sistemi, delle dottrine, che hanno scaldata la testa d’alcuni i quali per nostra sciagura, comandano. Non è ella cosa che fa rabbia, e pietà nello stesso tempo, il vedere quel buon vecchio di Settala, che potrebbe fare il medico con giudizio, e servirsi della sua buona pratica acquistata in sessant’anni, e del buon senso che gli ha dato la natura, vederlo, dico, perduto dietro sogni ridicoli, incaparbito contra il sentimento d’un pubblico intero, innamorato di quella sua idea pazza del contagio; perché? perché l’ha trovata nei suoi autori. Scienziati, scienziati; gente fatta a posta per creare gl’impicci».
«Piano, piano» disse Don Ferrante, il quale benché occupato a dissertare in un altro crocchio aveva intesa quella scappata del Signor Lucio. «Piano, piano; se si tocca la scienza son qua io a difenderla».
[…]
«Don Ferrante, con tutto il suo ingegno, non mi potrà sostenere» rispose il Signor Lucio, «che tutte quelle belle ragioni che si dicono da alcuni per far credere che vi sia la peste, il contagio, che so io, non sieno cavate dalla scienza».
«Dica dalla superficie, Signor Lucio, dalla superficie» rispose Don Ferrante. «Anzi la scienza, chi la scava un po’ al fondo, dice tutto il contrario, e insegna chiaramente che il contagio è una cosa impossibile, una chimera, un non-ente».
[…]
«La materia è un po’ spinosa» disse Don Ferrante; «ma vedrò di renderla trattabile. Dico dunque che in rerum natura non vi ha che due generi di cose; sostanze e accidenti: ora il decantato contagio non può essere né dell’uno né dell’altro genere; dunque non può esistere in rerum natura. Le sostanze… prego di tener dietro al filo del ragionamento… sono semplici o composte. Sostanza semplice il contagio non è; e si prova in due parole: non è sostanza aerea; perché se fosse, volerebbe tosto alla sua sfera, e non potrebbe rimanersi a danneggiare i corpi; non è acquea, perché bagnerebbe; non è ignea, perché brucierebbe; non è terrea, perché sarebbe visibile. Sostanza composta, né meno; perché tutte le sostanze composte si fanno discernere all’occhio o al tatto; e fra tutti i signori medici non vi sarà quell’Argo che possa dire d’aver veduto, non vi sarà quel Briareo che possa dire di aver toccato questo contagio. Oh benissimo; vediamo ora se può essere accidente. Peggio che peggio. Ci dicono questi signori che il contagio si comunica da un corpo all’altro; sarebbe dunque un accidente trasportato. Ah! ah! un accidente trasportato: due parole che cozzano, che ripugnano, che stanno insieme come Aristotele e scimunito; due parole da fare sgangherar dalle risa le panche delle scuole, da fare scontorcere la filosofia, la quale tiene, insegna, pone per fondamento che gli accidenti non possono mai mai passare da un soggetto all’altro. Mi pare che la cosa sia evidente».
«Intanto» disse il signor Lucio, «senza tutti questi argomenti, col semplice buon senso, tutti i galantuomini, e il popolo stesso sanno benissimo che questo contagio è un sogno».
«Non lo sanno; perdoni» rispose Don Ferrante, «lo indovinano, a caso, come atomi senza cervello che girando senza sapere dove, concorressero a comporre una figura regolare. Mi dica un po’ di grazia, se sapranno poi dire la cagione vera di questa mortalità».
«Oh bella!» disse il signor Lucio; «la cagione è chiara: in tutti i tempi si muore; in alcuni le morti sono più frequenti perché v’ha più malattie; e questo è il caso nostro».
«Sì» disse Don Ferrante; «ma le malattie, la cagione prima delle malattie?».
«Né qui pure c’è sotto gran misterio» rispose il signor Lucio: «la carestia, la mala vita hanno cagionate le malattie».
«Tutto bene» disse Don Ferrante, «ma la cagione prima?».
«Io non so che cosa ella intenda per cagione prima» disse Don Lucio.
«Ora, vede ella se bisogna poi ricorrere alla scienza» disse Don Ferrante. «Per trovare la cagione prima delle malattie, della carestia, di tutti questi infortunj, quella che spiega tutto e che fa tutto, bisogna andar molto in fondo, anzi molto in alto, bisogna cercarla negli aspetti dei pianeti. Perché non si vuol fare come il volgo, che guarda in su, vede le stelle, e le considera come tante capocchie di spilli confitti in un torsello: ha bene inteso dire che le stelle influiscono, ma non va poi a cercare né come né quando. Abbiamo il libro aperto dinanzi agli occhi, scritto a caratteri di luce; non si tratta che di saper leggere. Ed ecco che due anni fa comparve quella gran cometa causata dalla congiunzione di Saturno e di Giove. […] Ed ora, a furia di osservare, e di calcolare, da quella congiunzione funesta si è ricavata un’altra predizione egualmente chiara; così non fosse! […] Ecco la cagione prima della mortalità, ecco dove sta l’errore di questi pochi medici che voglion fare il singolare, e resistere all’evidenza, e credono di spaventarci con un grande apparato di dottrina, come se alla fine, avessero a fare soltanto con gente che non abbia mai toccato il limen della filosofia. Non basta parlare, a proposito e a sproposito, di vibici, di  esantemi, di antraci, di buboni violacei, di foruncoli nigricanti: tutte cose belle e buone, tutte parole rispettabili: ma che non fanno niente alla questione…».
«Eppure» disse il Signor Lucio, risolutamente, perché gli pareva di avere alle mani una buona ragione, «eppure anche quei medici non negano che l’aspetto dei pianeti presagisca malanni…».
«E qui li voglio» interruppe Don Ferrante; «qui dà in fuora lo sproposito. Confessano questi signori, perché a negare un tal fatto ci andrebbe troppo coraggio, confessano che tutto il male è causato dalle influenze maligne, e poi, e poi vengono a dirci che si comunica da un uomo all’altro. Chi ha mai inteso che si possano comunicare le influenze? in quel caso gli uomini sarebbero gli uni agli altri come tanti pianeti. Confessano che il male è causato dalle influenze, e dicono poi: state lontani dagli infermi, non toccate le robe infette, e schiferete il male: come se le influenze discese dai corpi celesti in questo mondo sublunare potessero schifarsi: come se quando le stelle inclinano al castigo si potesse declinare la loro potenza con certe precauzioni ridicole; come se giovasse sfuggire il contatto materiale dei corpi terreni, quando chi ci perseguita è il contatto virtuale dei corpi celesti. Per me, credo che anche questo accecamento dei medici, e appunto dei medici che hanno la mestola in mano, sia un effetto di quella costituzione maligna che domina in questo anno sciagurato, accioché per giunta di tanti mali ci tocchi anche il flagello dei regolamenti».
Tutti quegli uditori erano persuasi fin da prima che il male non era contagioso, sapevano che era comparsa quella cometa, avevano inteso dire che l’aspetto dei pianeti in quell’anno era funesto; ma da tutte queste idee non avevano mai pensato a cavare quel sugo che Don Ferrante espresse nella sua bella argomentazione. Uscirono tutti di quivi più atterriti di prima, e nello stesso tempo più irritati contra i regolamenti, e più disposti a trascurare, come inutili, tutte le cautele. Lo stesso contraddittore signor Lucio partì da quella disputa più pensoso; perché le predizioni astrologiche erano di quelle cose ch’egli riponeva non nei sogni della scienza, ma nei canoni del buon senso.

Secoli bui. La peste del XIV secolo a confronto con l’epidemia del XXI

Contributo di Tommaso Duranti

Oggi, 27 marzo 2020, a mezzogiorno le campane di Bologna – quelle delle sue chiese, ma anche quella dell’Arengo, la campana civica che dall’età comunale chiamava a raccolta i cittadini – hanno rintoccato nelle strade e piazze rese silenziose dalla mancanza di traffico automobilistico, per chiamare, questa volta, a un momento di riflessione e di saluto alle vittime di COVID-19. Un rito, si dirà, che non porta certo a sconfiggere la malattia, ma che, come i canti alle finestre nei primi giorni di isolamento, offre la possibilità di sentirci comunità, di scandire un tempo collettivo, di affiancarci, come communitas, a coloro che hanno perso qualcuno.

La prima pandemia globale a scuotere gli animi occidentali e a lasciare traccia nella memoria storica e letteraria fu, si sa, la peste che colpì Asia, Europa e Africa settentrionale a metà del XIV secolo, e che da allora conosciamo come Peste Nera.

Le conoscenze biologiche, mediche e tecnologiche dell’epoca erano semplicemente (e, per noi, fortunatamente) incomparabili rispetto a quelle che, oggi, sono messe in campo da una società mondiale che – pur nelle ancora drammatiche e troppe differenze – poggia il proprio sapere sul metodo scientifico.

Eppure, lo sguardo corre spesso, specie in questi giorni, alle epidemie nella storia, alla ricerca forse di una comunanza che trascende i secoli, o della magari inconsapevole consolazione nel trovare che, malgrado tutto, la società umana riuscì ad andare avanti, “addirittura” nonostante l’impossibilità della medicina del tempo di offrire non solo soluzioni terapeutiche, ma persino una spiegazione per un fenomeno che, lo si ricorda, causò probabilmente la morte di una fetta tra il 40 e il 60% della popolazione europea e del bacino mediterraneo in pochi anni.

Sono proprio le strategie politiche e terapeutiche e le reazioni sociali, emotive e psicologiche, percepite così lontane e superate, a suscitare la curiosità. Quelle donne e quegli uomini furono colpiti da una pandemia nel bel mezzo di quei “secoli bui” connotati – secondo uno stereotipo duro a morire e che colpisce, nella vulgata, solo il millennio che continuiamo a definire Medio Evo – da una religione oppressiva, da una superstizione pseudomagica, da un’ignoranza che sfociava in cattiva fede e ciarlataneria.

Tutto ciò è, intendiamoci, in parte fondato.

Mi colpisce sempre la raccomandazione di molti medici del Tre e del Quattrocento di mantenere il più possibile lo spirito lieto, attraverso canti, musica e attività che servono a distogliere l’attenzione dalla paura e dalla disperazione: la motivazione era, per loro, spiegabile da un punto di vista fisiologico. Ma chi potrebbe negare che in questi giorni di isolamento nelle nostre case siamo spesso alla ricerca di qualcosa che ci distragga?

I rimedi raccomandati dalla medicina erano sostanzialmente preventivi; in qualche caso si prescrivevano pozioni e intrugli, a volte coerenti col modello farmaceutico e fisiologico del tempo, altre derivati da tradizioni empiriche e dalla ricerca di rimedi fai da te: possiamo, oggi, ricordare le mascherine fatte con carta da forno (e sottolineare che questo aspetto non si limita certo ai soli periodi di epidemia).

peste nera del 1350 durante la quale morì più della metà della popolazione mondiale

Le voci che si levarono a tuonare contro i peccati dell’umanità, interpretando la pandemia come punizione divina e causando movimenti penitenziali, furono la riposta emotiva di una società credente: ma non provennero dai medici, né dalle istituzioni pubbliche. Anzi, costoro tentarono spesso di limitare o vietare manifestazioni religiose collettive che erano intese come “assembramenti” e, dunque, potenzialmente pericolose per quel contagio che, seppur senza saperselo spiegare chiaramente, era empiricamente sotto agli occhi di tutti; il Giubileo del 1350 fu, con ogni probabilità, causa di una maggiore diffusione del bacillo di Yersinia pestis che, oggi, sappiamo provocare la peste, e tutti ricordiamo le drammatiche scene iniziali del “Settimo Sigillo” di Ingmar Bergman.

Stupiscono, quindi, alcune voci odierne, anche di noti studiosi, che lamentano la chiusura (non sempre rispettata) dei luoghi di culto, perché “una volta” le epidemie si combattevano pregando, mentre oggi “ce lo vietano”; o di personaggi in cerca di visibilità che proclamano ai quattro venti che l’acqua santa guarisca più della medicina. Atteggiamenti, si badi, quasi mai percorsi dalle istituzioni religiose, e che non implicano alcun giudizio su fede e preghiera (che può essere svolta individualmente) o sulla capacità rassicuratrice di praticarla insieme ad altri.

La caccia all’untore di manzoniana memoria, che si è concretizzata in questo 2020 in una quasi ridicola caccia al runner, rimanda a ben più sconvolgenti ricerche di capri espiatori nel passato. Si sa che la peste trecentesca fu causa, specie in alcune aree del continente europeo, di una recrudescenza (e non dell’inaugurazione) delle persecuzioni nei confronti delle comunità ebraiche. La leggenda dell’ebreo avvelenatore di pozzi, che agiva per sovvertire l’ordine (cristiano) della società, fece leva su paure e pregiudizi della popolazione, con scopi, però, piuttosto ben individuati dalla storiografia: distrarre il nervosismo su “bersagli di serie B” serviva a sfogare gli animi e, soprattutto, a liberare spazi economici e commerciali, a perseguire, dunque, obiettivi politici che erano già percorsi prima dello scoppio della epidemia.

Anche in questo caso, come non pensare alle accuse verso la Cina scagliate da alcuni leader mondiali, alle reazioni xenofobe verso cinesi e asiatici che si sono susseguite specie nei primi tempi dell’epidemia anche in Italia (dalle aggressioni in strada alle affermazioni di politici locali sulle abitudini alimentari e igieniche), e, oggi, a un atteggiamento analogo verso italiani ed europei in Paesi africani o sudamericani? O alla recente accusa, da parte di un alto prelato ortodosso, che ha considerato la pandemia di COVID-19 la punizione divina contro i gay (peraltro, in anni non lontani, già accusati da uno studioso italiano con responsabilità istituzionali di avere causato persino la caduta dell’impero romano) e i matrimoni tra persone dello stesso sesso (un’evidente critica, dunque, alle politiche liberali che, seppur in ritardo, hanno connotato negli ultimi anni larga parte dei paesi democratici)?

Oggi come allora (fatte le debite differenze), l’espandersi dell’epidemia è favorito da un mondo interconnesso, in cui persone e merci circolano (si imparava a scuola come furono delle navi genovesi a portare il morbo in Europa, nel 1347): come gli esperti non mancano di sottolineare, esso necessita e merita una risposta globale. Ma nel microcontesto locale, va sottolineato che lo sviluppo di, seppur discontinui, tentativi di politiche sanitarie pubbliche furono una conseguenza, specie nell’Italia settentrionale del tempo, delle prime ondate epidemiche di peste: empiricamente, sulla base delle conoscenze riguardanti il problema dell’igiene e nell’alveo di un modello aerista di spiegazione dell’eziologia e della trasmissione del morbo, iniziarono a essere sperimentate forme di quarantena propriamente detta (con l’individuazione di spazi appositi), di isolamento domestico, di chiusura delle frontiere e di limitazione alla mobilità, nonché di partecipazione dei medici alle politiche sanitarie e di sviluppo di istituzioni ospedaliere. La storiografia, specie nel passato, ha spesso sottolineato (a ragione) la debolezza di queste misure, anche per la loro incapacità di essere controllate e garantite in una popolazione che, si pensa, non le comprendesse (il che, però, non inficia il tentativo fatto).

Queste righe non vogliono essere l’invito a un facile (ed errato) paragone “positivista” tra ieri e oggi, né indurre all’errore di ritenere che “tutto resti uguale”: al contrario, al di là delle analogie, proprio le differenze ci servono, credo, a mantenere più saldi gli spiriti e le emozioni. Oggi la medicina, la sanità (specie quella pubblica che abbiamo la fortuna di avere ancora in Italia, nonostante tutto) e la tecnologia ci offrono uno scenario nemmeno lontanamente paragonabile a quello di anche solo un secolo fa. Non si deve cadere, come alcuni hanno giustamente scritto, in una deificazione della scienza: la medicina non è onnisciente, tanto meno onnipotente, nemmeno oggi.

Al netto degli errori, dei ritardi, delle difficoltà (e delle sacrosante critiche), stiamo però facendo fronte all’emergenza con gli strumenti più razionali e più efficaci che la storia dell’umanità abbia mai conosciuto.

Per questo, ancora più gravi sono le derive irrazionali, pretestuose, veicolate da fake news e da affermazioni volutamente destabilizzanti.

Siamo – non solo in Italia, naturalmente – un popolo di allenatori quando si giocano i Mondiali di calcio. Cerchiamo, almeno, di non essere ancora uomini e donne dei “secoli bui”.

Diario di un medico (quasi) in trincea

Contributo di Claudio Vicini

Condivido la mia esperienza di medico al tempo del Covid-19, dal mio osservatorio di Forlì che percepisce direttamente solo una piccolissima parte della vicenda (almeno per ora).

La prima impressione è che, nonostante le prove generali della SARS che ci avrebbe, con senno di poi, dovuto insegnare qualcosa, le organizzazioni sanitarie di tutto il mondo siano state colte impreparate dalla velocità della epidemiapandemia.

Una contagiosità forse mai vista prima associata alla eccezionale infettività dei soggetti senza sintomi sempre in movimento forsennato nel villaggio globale hanno fatto il resto.

Come nel medioevo ai tempi delle pestilenze ritorna l’arcaico ma efficace provvedimento dell’isolamento. I governi centrali e regionali hanno prudentemente introdotto regole restrittive con giri di vite progressivi e graduali, ma forse la gravità della situazione non è stata percepita pienamente da fasce ampie della popolazione, che hanno continuato a muoversi con gli effetti che conosciamo.

Molti di noi operatori sanitari hanno allora sublimato la frustrazione intervenendo con appelli di ogni tipo sui media e sui social, spesso non compresi, talvolta contrastati. Tutti noi speriamo servano in concreto, anche se al momento l’effetto non sembra chiaro.

E’ molto triste vedere che dove non arriva il senso civico debba sempre di più intervenire la forza pubblica. Il sistema sanitario si sta rimodulando nelle prestazioni a seconda della gravità del profilo locale. Se per il territorio il compito principale è quello di prevenire e poi circoscrivere i contagi, per gli ospedali si tratta di garantire un numero adeguato di posti in rianimazione (e in Italia sono relativamente pochi) per i più gravi, in malattie infettive e in pneumologia per quelli intermedi, e mandare a casa, in sicurezza, i più lievi.

Tutti passano attraverso il filtro dei medici di medicina generale e dei presidi di pronto soccorso. Si stanno moltiplicando i reparti di ogni tipo riconvertiti in cosiddetti reparti Covid, cioè dedicati esclusivamente a pazienti infetti. Si stanno riconvertendo interi ospedali che perdono la loro suddivisione in reparti specialistici e si trasformano in grandi contenitori solo per Covid.

Io vivo ed opero in una area relativamente meno colpita, tra Forlì e Cesena, all’interno dell’AUSL Romagna, duramente interessata invece nel riminese. Oggi è stata annunciata in maniera ufficiale la conversione dell’Ospedale di Lugo in Covid-19 Hospital. Si attivano ospedali da campo militari e si pensa di riconvertire alberghi, tensostrutture sportive e intere strutture fieristiche.

Questo forse comincia a dare una reale misura degli eventi.  

Da non trascurare il tema della protezione del personale sanitario. Quanti assistono pazienti incrementano il rischio di ammalarsi e quindi di dovere forzatamente uscire dalla filiera assistenziale. Se le fila si assottigliano minore sarà la risposta sanitaria. Dispositivi di protezione individuale, comportamenti corretti durante i contatti, filtri o triage come si dice, anche telefonici per selezionare i pazienti sono diventati o dovrebbero divenire routine. Per tutte le patologie e in tutti i contesti.

Gli amici e colleghi negli USA (Orlando, Filadelfia,etc.) mi chiedono continuamente cosa stiamo facendo per proteggere i nostri sanitari.  Ben venga l’immissione di nuovi medici e infermieri che le Università stanno entrando nel sistema con straordinaria efficienza e celerità grazie alla possibilità di formazione online attivata da tutte le Università in questa fase di emergenza. Fin da ora sono preziosi e lo saranno di più in un futuro prossimo. Si formeranno sul campo anche se inizialmente del tutto inesperti.  

La stessa informatizzazione che ha consentito questo miracolo didattico potrebbe (dovrebbe) essere  impiegata su più ampia scala per monitorare il movimento di tutti i cittadini, per focalizzare i contagiati e tracciare e circoscrivere i clusters di infezione, per recare conforto ed assistenza ai malati meno gravi che vivono la loro malattia con paura a casa in totale isolamento. Questo è un appello alle competenze straordinarie presenti nelle eccellenti Università italiane.

Tutto buio? No. Ci sono luci in fondo al tunnel. Anche se impercettibilmente si inizia ad avere l’impressione che la progressione non sia più del tutto logaritmica: per ora accontentiamoci. Quando scrivo abbiamo per la prima volta registrato 12 ore in cui i dimessi o guariti hanno superato gli ingressi. Forse l’incubazione è più vicina ai 7 che ai 14 giorni: meno asintomatici in giro. Il tocilizumab sembra funzionare, ed è ora in sperimentazione ancorché iniziale.

Dobbiamo fare presto.

Sarebbe un vero miracolo potere confidare su di un farmaco salvavita. Poco ci interessa se sia una idea italiana, come sembra, o una ispirazione cinese. Ci interessa che funzioni.

E’ stata preannunciata la possibilità di impiegare una sola pompa di ventilazione (non si possono moltiplicare all’infinito) su 2 o addirittura 4 pazienti. Una tracheotomia precoce sembrerebbe accorciare il decorso della malattia, forse la prognosi. Darebbe una possibilità in più ai pazienti con polmonite grave. Comunque sia noi medici dobbiamo imparare la lezione per il futuro, essere pronti ad analoghi eventi che si possano ripresentare.

Si dice che il minimo battito d’ali di una farfalla sia in grado di provocare un uragano dall’altra parte del mondo (The Butterfly Effect) https://it.wikipedia.org/wiki/Effetto_farfalla.

Questa metafora è ora tragicamente diventata di gran moda. Per noi dovrebbe significare in futuro una task force internazionale di pronto intervento capace di muoversi immediatamente per spegnere un focolaio circoscritto ovunque insorto prima che si diffonda un incendio planetario. Se il virus non ha confini allora dobbiamo aprire ancora prima le frontiere alla conoscenza medica per contrastarlo. Questo è un tema politico oltre che culturale. E qui la sfera del medico si arresta .