Un Manifesto per la Didattica della Storia

Perché un Manifesto sulla Didattica della Storia?

Perché per la conquista e la continua rigenerazione di un’effettiva libertà di scelta è indispensabile un’adeguata formazione culturale per forgiare la quale oltre alle conoscenze si debbono perseguire le competenze che consentono di accrescerle in modo autonomo.
L’esigenza di conoscere per orientarsi per poter scegliere e decidere in piena coscienza che ha attraversato tutte le culture e tutte le generazioni umane è oggi amplificata da un’inedita accelerazione nei cambiamenti delle scale dei valori, dei comportamenti individuali e collettivi e dei contesti ambientali.


Benché continuamente insidiata da distorsioni e da strumentalizzazioni, quella storica costituisce una componente fondamentale della cultura, essenziale per orientarsi ed acquisire cognizione, consapevolezza e responsabilità, per essere liberi ed autonomi nelle scelte attuali e future, per favorire la più ampia convivenza nel rispetto delle diversità, per sviluppare le capacità critiche necessarie ad esercitare il dialogo e il confronto.
Perciò in considerazione delle continue e rapide trasformazioni in atto è essenziale condurre ricerche sulle strategie didattiche più idonee a rendere efficace l’insegnamento della storia in tutti i gradi scolastici, attivando confronti in ambito nazionale e internazionale. Con questo manifesto si intende rilevare e condividere l’esigenza di rispondere alle nuove necessità formative e di qualificare ulteriormente l’offerta educativa attivando funzionali metodologie didattiche atte a stimolare negli allievi l’assunzione di facoltà essenziali, divergenti ma concordi: quella di attivare una competente attenzione al mondo intero e quella di sviluppare il senso di appartenenza alla propria terra attraverso la conoscenza delle sue radici, della sua cultura e della sua storia, per assecondare una fervida e responsabile partecipazione alla vita della propria comunità e del proprio territorio in una prospettiva di sostenibilità.

I punti essenziali del Manifesto:

Identità e comunicazione
Sull’insegnamento universitario della Storia 
Storia e storiografia
Motivare, stimolare e attivare
Storia e attualità
Patrimonio e cittadinanza attiva
La storia globale e la storia locale
Gli intrecci disciplinari
Le competenze
Vecchie e nuove difficoltà

Coordinamento: Beatrice Borghi, Rolando Dondarini