Articolo del blog

Vaccini: tanto rumore, ma non per nulla

Vaccini tanto rumore ma non per nulla

Dopo tanto discutere, dopo il lungo braccio di ferro seguito all’applicazione della legge 119 del 31/07/2017, è iniziato l’anno scolastico 2019/20, che vede la prima concreta applicazione di quanto previsto dalla norma rispetto ai bambini non in regola con le vaccinazioni obbligatorie.

I dati della regione Emilia Romagna indicano complessivamente il superamento della soglia del 95%, quindi possiamo immaginare che sia venuta meno la resistenza delle famiglie più incerte e dubbiose, ma proprio per questo i dati meritano di essere osservati con più attenzione. All’apertura dei servizi 0-6 in Emilia Romagna, i dati resi disponibili riguardano poche famiglie inadempienti in provincia di Parma, 150 famiglie a Reggio Emilia, meno di dieci bambini a Modena, 75 a Ferrara,26 bambini a Bologna, 912 a Ravenna (130 nella fascia 0-6 e 782 nella fascia 7-16), 1160 a Cesena (190 in fascia 0-6 e 970 in fascia 7-16 anni), 809 a Forlì ( 137 nella fascia 0-6 e 672 nella fascia 7-16), 3215 a Rimini (458 nella fascia 0-6 e 2757 nella fascia 7-16).[Fonte: Corriere di Bologna, 8/09/2019, pag. 5]

Al netto dei bambini che, per ragioni sanitarie importanti, non possono essere vaccinati, resta comunque uno zoccolo duro che resiste come se si trattasse di una battaglia fondamentale per lo sviluppo della civiltà, in quanto manifestazione del diritto alla libertà di scelta.

La posizione contro i vaccini è fuori da ogni logica (sanitaria, poiché i vaccini sono una conquista della scienza; umanitaria, poiché sono in grado di ridurre danni permanenti e salvare vite), oltre ad essere debole sul piano del ragionamento e quest’ultimo aspetto, per una psicologa, è molto interessante. Partiamo da questa premessa: se e solo se tutti gli individui sono vaccinati, allora le malattie prevenibili con il vaccino scompariranno /vogliamo far scomparire le malattie prevenibili e quindi utilizziamo il vaccino. Da una premessa che è ritenuta vera senza distinzioni (ricordo che uno degli argomenti contro le vaccinazioni era appunto “non servono perché le malattie sono sparite, vedi l’esempio del vaiolo”) deriva quindi la conseguenza logica di fare i vaccini fino a quando tutte le malattie prevenibili non saranno scomparse ovunque: no malattia quindi no vaccino. Questa sarebbe la logica del ragionamento generale ma invece, come prosegue il ragionamento individuale chi decide di non vaccinare i figli? Forse dice a se stesso: io non vaccino mio figlio, perché voglio che la malattia circoli ancora? Oppure: io non vaccino mio figlio con qualcosa che potrebbe farlo ammalare? Ed ancora: visto che lo fanno gli altri, allora posso non farlo io? In tutti i casi la conseguenza non deriva dalla premessa. Siamo di fronte ad un esempio di logica che si confonde nel senso comune, una posizione universalistica contro quella puramente individuale.

Vaccini: tanto rumore ma non per nulla

Come molti hanno scritto, il dibattito sulle vaccinazioni infantili è andato ben oltre il tempo e lo spazio che avrebbe meritato, perché ad argomenti illogici c’è stato il paziente tentativo di rispondere con argomenti logici, ma non c’è peggior sordo di chi non vuol sentire.

A questo punto il sistema sociale che regge il patto dell’essere una nazione chiamata Italia non poteva che prevedere di normare per legge le condotte dei singoli individui, così come è stato fatto con il codice della strada. Tanto per fare un esempio ben comprensibile a tutti, io posso dire: mi piacerebbe lasciare l’auto dove mi è comodo (per tantissime ragioni, forse addirittura comprensibili), contando sul fatto che gli altri cercheranno di risolvere la situazione che ho creato, ma invece non si può fare, perché la scelta di un singolo non può arrecare danno agli altri e quindi quell’auto va rimossa a spese del trasgressore.

Ora qualcuno potrà dire che la salute dei figli non è un’automobile ma, così facendo, la natura dell’esempio viene volutamente manipolata, passando dal piano del ragionamento logico a quello di un arbitrario caso di coscienza (cosa che, per altro, potrebbe essere anche lasciare l’auto in doppia fila ed andare al bar!).

Chi vorrebbe volutamente mettere a repentaglio la salute dei figli con un vaccino? Nessuno ma, in questo modo, l’effetto sarebbe potenzialmente quello di non far nulla per evitare le epidemie, mettendo quindi a repentaglio sempre la salute dei figli, solo in modo diverso: credo che si possa convenire sul fatto che il risultato non cambierebbe poi tanto. E’ bizzarro non avere fiducia nei risultati della scienza per affidarsi al caso ed alla fortuna.

A tutti coloro che ritengono inutile vaccinarsi, tanto i nostri bambini non si ammalano più, segnalo di fare attenzione a cosa racconta Carolina (Rai 3, Storie minime, 20/09/2019)

https://www.facebook.com/rai3tv/videos/392964704734266/
Altri articoli
Ambiente

Evoluzione, prossima fermata?

Venerdì 24 maggio 2024 dalle 17:30 alle 19:30 Luogo: spazio polifunzionale UNIone, Aula 1, Via Azzo Gardino 33, Dipartimento di Scienza della Comunicazione. Link Teams:

Leggi »
Blog di ParliamoneOra

Parità di genere: a che punto siamo?

Nell’ambito delle iniziative congiunte di ParliamoneOra e dell’Università di Bologna su temi della contemporaneità, venerdì 1 marzo dalle 17 presso l’aula Prodi a San Giovanni

Leggi »
Blog di ParliamoneOra

Tre importanti iniziative

Nell’ambito della collaborazione tra ParliamoneOra e UniBo stiamo organizzando tre iniziative pubbliche su temi di grande impatto. Segnate le date. 29 gennaio – transizione energetica

Leggi »
Blog di ParliamoneOra

In ricordo di Vittorio Capecchi

(Pistoia, 28 novembre 1938 – Bologna, 29 luglio 2023) Nei due mesi trascorsi dalla morte di Vittorio Capecchi, mio marito, di cui il 29 luglio

Leggi »
Blog di ParliamoneOra

Temi della contemporaneità – ParliamoneOra

Anche per l’anno scolastico 2023-2024 l’associazione di docenti dell’Università di Bologna ParliamoneOra rinnova l’offerta a studentesse e studenti di dialogare con ricercatrici, ricercatori e docenti dell’Università

Leggi »
Società

ParliamoneOra rinnova il suo impegno

L’associazione ParliamoneOra, attiva dal 2019, è nata sulla base di tre semplici presupposti.Primo, una società colta è maggiormente in grado di affrontare le sfide della

Leggi »
Istruzione

Incontri con le Scuole A.A. 22-23

Sono numerosissime le richieste che stiamo ricevendo da parte delle scuole. Gli appuntamenti fin qui programmati sono visibili alla pagina scuole E’ importante che gli

Leggi »
Istruzione

Notte dei divulgatori

La scienza può essere compresa attraverso i social media? Le conoscenze rigorose costruite con fatica e trasmesse alle nuove generazioni nelle aule universitarie devono trovare

Leggi »