Tema d'incontro proposto

Agricoltura bio e non bio

Speaker: Elena Baraldi, Ilaria Braschi, Marina Collina, Antonella Samoggia

La legge europea qualifica i ‘prodotti biologici’ freschi o trasformati quali ‘prodotti ottenuti sfruttando gli equilibri naturali dell’ambiente’, dove fertilizzanti e agrofarmaci di sintesi sono banditi, gli input esterni ridotti al minimo e la fertilità del suolo è mantenuta in modo naturale.

Le scelte dei consumatori che acquistano cibo ‘bio’ inevitabilmente investono l’agricoltura, e le scelte produttive ad essa associate, di un importante ruolo socio-economico che va ben oltre la basilare finalità alimentare.

A fronte di un giusto e consapevole ruolo di responsabilità che l’agricoltura oggi deve assumere, occorre tuttavia fare chiarezza sui diversi metodi produttivi e riflettere sulla reale sostenibilità e adeguatezza dell’agricoltura bio a confronto del non-bio in risposta all’urgenza di salvaguardare o ripristinare le risorse naturali del nostro pianeta e, al contempo, riuscire a sfamare una popolazione sempre più numerosa.

Temi correlati
Funzione, qualità, diversità e sapore del cibo: come sceglierlo, conservarlo ed utilizzarlo al meglio. Gli alimenti e la cura. Il ruolo della tecnologia e della digitalizzazione. La lezione si terrà preferibilmente il sabato.

Speaker: Maria Fiorenza Caboni, Tullia Gallina Toschi, Enrico Valli

Come nasce il cibo? Funzione, qualità, diversità e sapore del cibo: come sceglierlo, conservarlo ed utilizzarlo al meglio. Cosa, come e quanto mangiamo e con chi. Evoluzione dei consumatori dall’inizio dei tempi alla contemporaneità. Chi prepara il cibo? Gli alimenti e la cura. Il ruolo della tecnologia e della digitalizzazione. Mangiare perché e necessario, mangiare perché piace e consola. Cibo a sufficienza? Troppo cibo? Cibo sicuro, cibo certificato. Spreco, perdite e recupero: economia circolare. Il cibo accomuna oppure è elemento di divisione? Il cibo e l’etica e l’etica del cibo. Il cibo e il territorio. La rappresentazione del cibo. Parlare e scrivere di alimenti.
L’Agroecologia, scienza profondamente transdisciplinare, costituisce un presidio essenziale per la salvaguardia dell’ambiente, della salute e del pianeta. L’Agroecologia è anche un potente strumento formativo, altamente funzionale alla trasmissione del sapere scientifico e nell’acquisizione competenze e conoscenze trasversali, capacità percettive, visione olistica, realizzazione degli obiettivi per lo sviluppo sostenibile, in un contesto di cooperazione locale e internazionale.